ISO 45001 – L’EVOLUZIONE DELLA OHSAS 18001

La norma ISO 45001 rappresenta l’evoluzione di una serie di norme proprietarie dedicate alla salute e sicurezza, in particolar modo lo standard OHSAS 18001.

ISO 45001 è applicabile a tutte le organizzazioni che vogliano formalizzare un sistema di gestione che abbia la finalità di eliminare o ridurre i rischi a cui i lavoratori sono esposti nello svolgimento delle proprie attività allo scopo di fornire alle aziende dei criteri di gestione dei rischi relativi a salute e sicurezza dei dipendenti.
Si rivolge quindi alla tutela lavoratori piuttosto che prendere in considerazione l’aspetto della sicurezza legato a prodotti e servizi puntando l’accento sul fatto che il rispetto della norma non rende immuni dal rispetto degli obblighi di legge.

QUANDO USCIRÀ LA NUOVA ISO 45001?… UN PO’ DI STORIA

Già da tempo è pronto il draft della nuova ISO 45001, il draft non è altro che la bozza della nuova norma.

Il Gruppo di lavoro deputato alla redazione e verifica della nuova ISO 45001, denominato ISO/PC 283/WG1, si è riunito a Vienna nel febbraio 2017 con l’obiettivo di rivedere gli ultimi commenti al draft ed adattare a questi il nuovo standard.

Ora si attende la votazione del secondo DIS (ossia il Draft dello Standard Internazionale).

Per Settembre 2017 sono previsti ulteriori incontri in Malesia.

La calendarizzazione della pubblicazione della ISO 45001 dovrebbe seguire il seguente iter:

la Bozza Finale dello Standard Internazionale (FDIS) è prevista per novembre 2017;

la pubblicazione dovrebbe avvenire intorno a marzo 2018.

Facciamoci trovare pronti!

DETTAGLI

L’introduzione di un sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro permette alle organizzazioni di gestire i rischi e migliorare l’efficienza negli ambiti della salute e della sicurezza in materia di prevenzione di malattie e incidenti.

La norma ISO ha la cosiddetta “High Level Standard” – “Struttura di Alto Livello” per motivi di standardizzazione così come per le nuove versioni della ISO 9001:2015 e della ISO 14001:2015, ovvero:

  • Identica struttura per tutti i sistemi di gestione;
  • Stesso utilizzo di testi e terminologia;
  • Standard più facili da capire;
  • Applicazione più efficiente di sistemi di gestione integrati.

Continua pertanto ad essere basata sul modello “Plan-Do-Check-Act” e, partendo dalle nuove regole ISO per lo sviluppo degli standard internazionali per sistemi di gestione, maggiore importanza è assegnata al cosiddetto contesto dell’organizzazione.

Inoltre la ISO 45001 assegna un maggiore ruolo al top management, che deve garantire la propria leadership. La salute e la sicurezza sul lavoro diventano aspetti centrali dell’intero sistema di gestione e ciò richiede un consistente impegno da parte del top management.

Un’altra novità risiede nel fatto che l’organizzazione deve identificare e descrivere chiaramente le opportunità di miglioramento della salute e della sicurezza sul lavoro in un processo a sé stante.

I dieci principali paragrafi della ISO 45001:2016 rispettano lo schema seguente:

  1. Scopo
    2. Normativa di riferimento
    3. Termini and definizioni
    4. Contesto dell’organizzazione
    5. Leadership
    6. Pianificazione
    7. Supporto
    8. Operativo
    9. Valutazione delle Performances
    10. Miglioramento

COSA È CAMBIATO CON LA NUOVA ISO 45001?

Partendo dalla nuova struttura delle ISO per lo sviluppo degli standard internazionali per sistemi di gestione, un maggior risalto è assegnato al contesto dell’organizzazione (sia interno che esterno).

Questo serve ad identificare e comprendere i fattori che possono anche solo potenzialmente influenzare processi aziendali.

Gestione dei rischi e delle opportunità, che richiede all’organizzazione di individuare ed adottare misure per la gestione dei rischi o le opportunità che possono condizionare (negativamente o positivamente) sulla capacità del sistema di gestione di raggiungere i risultati previsti o che possono impattare sull’organizzazione.

Tale approccio definito “Risk Based Thinking” è un “nuovo” modo di valutare la gestione aziendale degli aspetti potenzialmente critici, che non si concentra solo sui rischi tradizionali come quelli già identificati per la salute e sicurezza sul lavoro, ma chiede di valutare anche tutti i rischi che potrebbero derivare dal modo di funzionare della azienda, e dalle relazioni che l’azienda intrattiene con soggetti esterni.

Altro cambiamento significativo riguarda la forte enfasi sulla “Leadership” e l’impegno di gestione.

La salute e la sicurezza sul lavoro diventeranno aspetti centrali dell’intero sistema di gestione e ciò richiederà un impegno da parte del top management nella verifica dell’efficacia dello stesso.

Altra novità di rilievo è l’attenzione più dettagliata richiesta all’organizzazione nell’identificare e descrivere chiaramente le opportunità di miglioramento della salute e della sicurezza sul lavoro per ogni processo impattante sulla stessa, tramite specifici indicatori di processo.

Tutte le nuove norme, così come la nuova ISO 45001, richiedono “informazioni documentate” e non più “documenti”.

Ciò sta a significare che non è più necessario esprimere tramite procedure obbligatorie ma è necessario dimostrare l’effettuazione di ogni requisito della norma o controllo tramite un’evidenza.

IL CERTIFICATO BS OHSAS 18001 NON SARÀ PIÙ VALIDO?

A seguito della pubblicazione della ISO 45001, è previsto che il British Standard BS OHSAS 18001 del 2007 venga ritirato dal “British Standards Institution” (BSI). Quindi il BS OHSAS 18001 non sarà più in vigore.

Pertanto, le aziende che sono certificate conformemente al BS OHSAS 18001:2007 dovranno modificare il proprio sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro ed adattarlo alla nuova norma, ISO 45001.

Tutto ciò andrà effettuato nel momento in cui lo IAF – International Accreditation Forum confermerà la nuova ISO 45001:2016 come nuovo criterio di certificazione.

Sarà riconosciuto un periodo di transizione dal BS OHSAS 18001 alla nuova ISO 45001, di 3 anni dalla pubblicazione del nuovo Standard.

Ossia le aziende che hanno implementato un sistema di Gestione SSL avranno tre anni di tempo per adeguarsi alla nuova norma.

Tre anni dopo la data di pubblicazione della nuova ISO 45001, tutti i certificati secondo il BS OHSAS 18001 devono essere transitati alla nuova norma.

Dopo tale data i certificati secondo il “vecchio” standard britannico OHSAS 18001 cesseranno di essere validi.

Dall’uscita della nuova ISO 45001, le aziende che intendono implementare un Sistema di Gestione Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro ex novo saranno obbligate a farlo conformemente alla nuova ISO.

COSA FARE PER PASSARE ALLA NUOVA ISO 45001?

È consigliabile prepararsi con anticipo alla transizione alla nuova norma allo scopo di pianificare correttamente le misure di adeguamento da adottare.

Le fasi consigliate per la transizione alla nuova ISO 45001 sono le seguenti:

  • conoscereil contenuto ed i requisiti della nuova norma;
  • identificare le mancanze da colmare al fine di soddisfare i nuovi requisiti e stabilire un piano di azione (Gap Analysis);
  • assicurarsi che il personale coinvolto nell’organizzazione sia formato e  conosca i nuovi requisiti ed i principali cambiamenti;
  • Provvedere a definire un piano di azioneper aggiornare il sistema di gestione (ove presente) al fine di soddisfare i nuovi requisiti.

CHE RAPPORTO C’È TRA LA ISO 45001 ED IL DLGS. 81/08?

Anche la nuova ISO 45001, così come il BS OHSAS 18001, ha come obiettivo primario il rispetto della normativa cogente in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Tale requisito ha fatto sì che il legislatore riconoscesse un valore aggiunto ai sistemi di gestione salute e sicurezza sul lavoro.

Infatti, è noto che all’art. 30 comma 5 del D.Lgs. 81/08, i Sistemi di gestione salute e sicurezza sul lavoro vengono riconosciuti quali strumento esimente dalle gravose responsabilità previste dal D.Lgs. 231/01 in capo alle organizzazioni.

IL SGSL SECONDO LA ISO 45001 INTERAGISCE CON GLI ALTRI SISTEMI DI GESTIONE (ISO 9001, ISO 14001, MOG 231/01)?

La nuova ISO 45001 è strutturato in maniera tale da essere compatibile e facilmente integrabile con le altre norme relative ai sistemi di gestione Qualità – ISO 9001, Ambiente – ISO 14001, Responsabilità Sociale – SA 8000, etc.

È importante sottolineare che la ISO 45001 così come le revisioni delle ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 rispetta la medesima struttura secondo l’High Level Standard.

Tale scelta da parte del Comitato Tecnico ha come obiettivo quello di garantire una struttura comune che ne consenta la sempre più agevole integrazione tra i vari Sistemi di Gestione.

Molte organizzazioni, infatti, si avvalgono di Sistemi di Gestione Integrati ossia conformi a più ISO contemporaneamente (es. ISO 9001, 14001 ed a breve 45001), in quanto riconoscono l’efficacia di tali sistemi nella gestione dei processi aziendali e nel miglioramento nel tempo dei livelli prestazionali.

Inoltre, il SGSL è riconosciuto quale strumento efficace, in sede di giudizio, della corretta gestione degli aspetti legati alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

Lo staff della ICP SERVICES S.R.L è a completa disposizione per qualsiasi chiarimento.

Non esiti a contattare le nostre sedi di:
Valenzano (BA) Telefono: +39.080.9697060 – Fax: +39.080.9692092
Taranto (TA) Telefono +39.099.4593984– Fax: +39.080.9692092

 

Fonte: http://www.uni.com/index.php?option=com_content&view=article&id=3033%3Ala-norma-iso-45001-sulla-salute-e-sicurezza-dei-lavoratori-ora-in-versione-committee-draft&catid=171&Itemid=2612

 http://www.qualityi.it/iso-45001.html

 

ICP ServicesISO 45001 – L’EVOLUZIONE DELLA OHSAS 18001