Bari
Bari
Taranto
+39 0809697060 Lun - Ven 09:00 - 17:00 Via Volga c/o Fiera del Levante pad.129 70132 – Bari (BA)
+39 0994693984 Lun - Ven 09:00 - 17:00 Via Dante 66, Taranto, Italia
Bari
Bari
Taranto
+39 0809697060 Lun - Ven 09:00 - 17:00 Via Volga c/o Fiera del Levante pad.129 70132 – Bari (BA)
+39 0994693984 Lun - Ven 09:00 - 17:00 Via Dante 66, Taranto, Italia

Servizi

Il Sistema di Gestione per la Qualità, inoltre, aiuta e supporta l’organizzazione nell’adozione di ulteriori sistemi di gestione aziendali, quali il Sistema di Gestione per l’Ambiente, il Sistema di Gestione per la Sicurezza ed il Sistema di Gestione per la Responsabilità amministrativa.
La UNI EN ISO 14001 è una norma internazionale di carattere volontario, applicabile a qualsiasi organizzazione, indipendentemente da dimensione, tipo e natura e si applica agli aspetti ambientali delle sue attività, dei prodotti e servizi che l’organizzazione determina di poter controllare o influenzare, considerando una prospettiva del ciclo di vita.
La norma ISO IEC 27001 specifica i requisiti per stabilire, attuare, mantenere e migliorare un Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni (SGSI) all’interno di un’organizzazione.
La presente norma internazionale specifica i requisiti per un sistema di gestione per la qualità che possa essere utilizzato da un’organizzazione coinvolta in una o più fasi del ciclo di vita di un dispositivo medico, compresa quindi la progettazione e sviluppo, produzione, immagazzinamento e distribuzione, installazione, assistenza nonché dismissione finale e smaltimento dei dispositivi medici, oppure erogazione di attività associate.
la UNI ISO 45001 specifica i requisiti per un sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (SSL) e fornisce una guida per il suo utilizzo, al fine di consentire alle organizzazioni di predisporre luoghi di lavoro sicuri e salubri, prevenendo lesioni e malattie correlate al lavoro, nonché migliorando proattivamente le proprie prestazioni relative alla SSL.
La ISO/IEC 20000 è uno standard internazionale sviluppato per gestire i servizi IT (IT Service Management) e rappresenta per le aziende uno strumento per dimostrare la propria capacità di fornire servizi informatici che soddisfino le richieste dei clienti ponendosi come obiettivo il raggiungimento della massima qualità dei servizi erogati e un massimo contenimento dei costi.
Lo Standard SA8000 (Social Accountability) è uno standard volontario, verificabile attraverso audit di terza parte, che definisce i requisiti che devono essere soddisfatti dalle organizzazioni, inclusi il riconoscimento o il miglioramento dei diritti dei lavoratori, le condizioni del luogo di lavoro ed un sistema di gestione efficace
Lo standard OHSAS 18001 definisce i requisiti di un Sistema di Gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori (SGSSL) ed è uno strumento organizzativo grazie al quale qualunque Organizzazione potrà gestire ed eventualmente eliminare i rischi legati alla salute e alla sicurezza dei lavoratori nell’ambiente di lavoro.
L’Acronimo S.O.A. sta per Società Organismi di Attestazione, le quali, in seguito all’autorizzazione rilasciata dall’ANAC (Autorità Nazionale Anti-Corruzione), accertano che i soggetti esecutori di lavori pubblici presentino tutte le caratteristiche e soddisfino tutti i requisiti della normativa comunitaria e nazionale per poter partecipare alle gare di appalti pubblici.
L’HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) è disciplinato dal Decreto Legislativo 193/07 e rappresenta un sistema di controllo, legato alla produzione degli alimenti, che ha come obiettivo quello di evitare contaminazioni sia di natura biologica che chimica o fisica e garantirne la sicurezza igienica e la commestibilità.
A partire dal 24 maggio 2016 è entrato ufficialmente in vigore in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea il Regolamento generale per la protezione dei dati personali n. 679/2016; la sua attuazione, tuttavia è avvenuta a partire dal 25 maggio 2018.
La Marcatura CE è obbligatoria per tutti i prodotti per i quali esiste una direttiva comunitaria; deve essere eseguita dal fabbricante di un prodotto regolamentato nell’Unione europea, il quale dichiara per mezzo della dichiarazione di conformità o di prestazione per i soli prodotti da costruzione, che il prodotto è conforme ai requisiti di salute e sicurezza, previsti dalle direttive o dai regolamenti comunitari pertinenti.
Il termine ATEX deriva da “ATmosphères” ed “EXplosibles” e si riferisce, appunto, all’atmosfera esplosiva, ovvero a una miscela con l’aria, a determinate condizioni atmosferiche, di sostante infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o combustibili in stato pulverulento in cui, dopo l’accensione, la combustione si propaga all’insieme della miscela non bruciata.
La Direttiva 2014/68/UE si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione (recipienti, tubazioni, accessori di sicurezza ed accessori a pressione) e degli insiemi sottoposti ad una pressione massima ammissibile PS superiore a 0,5 bar
La Dichiarazione ambientale di prodotto (EPD), è uno schema di certificazione volontaria classificata come Tipo III che quantifica e verifica il ciclo di vita di prodotti e merci come citato nell' ISO 14025:2015 (Etichette e dichiarazioni ambientali – Dichiarazioni ambientali di Tipo III). La metodologia EPD si basa sull’Analisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment - LCA) in accordo con le norme della serie ISO 14040.
Il Decreto Legislativo 231/2001 disciplina la responsabilità amministrativa dipendente da reati di enti, società e associazioni con o senza personalità giuridica. Le disposizioni non si applicano allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale.